La lettera di messa in mora è una lettera formale nella quale un creditore di somme, servizi o beni, intima ufficialmente alla controparte (azienda o privato cittadino) un determinato adempimento previsto in un accordo scritto, come ad esempio un contratto, oppure richiede la soluzione al problema venutosi a creare.

La messa in mora comporta degli effetti ben precisi:

  • il debitore è tenuto a risarcire i danni derivanti dal ritardo nell’adempimento;
  • nelle obbligazioni aventi ad oggetto somme di danaro, sono dovuti, dal giorno della mora, gli interessi legali;
  • la prescrizione si interrompe;
  • il debitore in mora non è liberato dalla sopravvenuta impossibilità della prestazione derivante da causa a lui non imputabile.

In altre parole, significa che il debitore in ritardo nell’adempimento, se costituito in mora, non sarà liberato dalla sua obbligazione nemmeno se la prestazione che è tenuto a dare viene meno per una causa a lui non imputabile. L’unica prova liberatoria che il debitore può fornire è che l’oggetto della prestazione sarebbe ugualmente perito anche se fosse stato già tra le mani del creditore.

Share
« Back to Glossary Index
Category :